L'idraulico a Torino

La sostituzione del lavello

Sostituzione del lavello: in che modo avviene? È un intervento semplice oppure no? La sostituzione del sifone del lavello è uno degli interventi che spesso ci spaventa ma che, con una buona guida, è possibile eseguire in maniera del tutto autonoma. Ovviamente, rivolgersi a personale esperto e qualificato da anni competente nel settore come un idraulico Torino garantisce un’ottima risposta alle problematiche che possono sorgere a causa di una cattiva o errata sostituzione, ma sicuramente seguendo alcuni piccoli accorgimenti non si tratta di interventi così difficili.
Per prima cosa, bisogna tenere in considerazione il fatto che questo tipo di interventi è abbastanza semplice e può essere eseguito facilmente senza troppi intoppi. Il ruolo del sifone del lavello è quello di trattenere i detriti solidi che possono scendere dal rubinetto: importante, quindi, per evitare che esso si intasi.
Per capire come smontare e quindi sostituire il sifone del lavello, è importante ricordare che ne esistono di due tipologie diverse, una in plastica (abbastanza suscettibile di usura) e una in ottone, che ha una resistenza maggiore all’usura del tempo. Per rimuovere il sifone è sufficiente smontare le ghiere (in genere due) che lo tengono attaccato al lavello ed allo scarico: si può procedere con una chiave a pappagallo, prestando particolare attenzione ad eventuali rotture per quel che riguarda i vecchi sifoni.

Dopo la rimozione del sifone

Una volta rimosso il sifone, è ovviamente necessario procedere alla pulizia ma anche all’eventuale cura delle guarnizioni presenti; successivamente si posiziona il nuovo sifone partendo dal tubo dello scarico, e si appone una nuova guarnizione all’attacco del lavello, facendosi magari aiutare da un seghetto per accorciare le parti eccessivamente lunghe.
L’ultima fase è quella operativa in cui si fanno le prove per verificare di aver sostituito la parte con estrema attenzione: dopo aver fissato la ghiera (che non deve essere fissata in maniera troppo forte, al contrario di quanto si possa pensare) si collega quindi il sifone con gli scarichi, si fa scorrere l’acqua per controllare l’eventuale presenza di perdite, e si fanno le dovute verifiche. Se, dopo tutti gli interventi eseguiti, si nota la presenza di perdite, è necessario stringere lentamente i bulloni. In alcuni casi, è invece necessario smontare di nuovo il sifone del lavello e ripetere tutte le operazioni in maniera più attenta.
Anche se si tratta di un intervento relativamente facile, non tutti riescono ad avere la capacità e la manualità di effettuare un’operazione simile. Per questo motivo, è possibile rivolgersi ad un esperto idraulico Torino che sarà sicuramente in grado di fornire tutte le risposte ai dubbi presenti, e sarà in grado, con la sua competenza e la sua professionalità, di agire offrendo al cliente la garanzia e l’esperienza anche nelle riparazioni e sostituzioni dei sifoni del lavello.

L'accesso o l'utilizzo di questo sito è subordinato all'accettazione dell'Uso dei Cookie per migliorare l'esperienza di navigazione