Idraulico Torino: I Consigli degli Esperti

Come risolvere il problema dell’ostruzione degli scarichi

Lo scarico bloccato è un inconveniente molto frequente e fastidioso, che sicuramente rallenta o rende difficili alcune azioni quotidiane, come lavare i piatti o farsi la doccia.

Il problema, se preso per tempo è di facile risoluzione, ma se si trascura, diventerà necessario l’intervento di un idraulico. Infatti più l’ostruzione è distante dallo scarico, più difficile sarà eliminarla.
Vediamo i consigli dei nostri esperti in Torino

Intervento mediante ventosa sturalavandino:

Sicuramente il primo passo da fare è usare la ventosa sturalavandino.

Si parte tappando il foro troppopieno con uno straccio, meglio se bagnato. Dopo di ché, si riempie il lavandino d’acqua fino a metà circa (rimuovere del tutto il tappo) e con la ventosa appoggiata sulla piletta, si spinge con forza e ripetutamente.

Se notate che la pressione esercitata dalla ventosa, si disperde attraverso le uscite degli altri scarichi, significa che l’ostruzione è depositata all’interno della scatola sifonata qualora fosse presente.

Altrimenti, vi sarà un deposito nello scarico dorsale che raccorda gli altri sanitari. In questo caso i nostri idraulici, raccomandano di tappare tutti gli scarichi dell’impianto, con relativi fori troppopieno e ripetere l’operazione con la ventosa.

Intervento mediante flessibile sturalavandino

Per quest’intervento l’ idraulico della nostra sede di Torino, consiglia di collocare una bacinella sotto il lavandino o bidè su cui andrete ad operare.
Smontare il tappo del sifone e controllarlo. Se necessario smontare il sifone (che sarà pieno d’acqua), per inserire il flessibile sturalavandini direttamente nel tubo del muro. Spingere il flessibile fino a quando non incontrerà l’occlusione e a questo punto, girare la manovella come una “vite” per rimuovere e far scorrere via il deposito.
Se l’impianto fosse provvisto di scatola sifonata, è possibile l’ingresso anche mediante di essa, procedendo a smontare la borchia e il suo coperchio. Togliete i depositi al suo interno, pulendola accuratamente. Se invece l’ostruzione fosse identificata nello scarico dorsale, inserire il flessibile sturalavandini nel tubo di scarico uscente della scatola sifonata o nel corrispondente tubo di scarico del sanitario. Spingete il flessibile fin quando non sentite che è arrivato all’ostruzione e girando la manovella, distruggendo il tappo di deposito. La nostra azienda torinese, consiglia inoltre di fare delle operazioni preventive, pulendo le tubazioni con acqua calda e aceto, almeno una volta ogni quattro mesi. Inoltre segnaliamo, qualora non fossero già installati nel tappo del rubinetto, di usare dei filtri per raccogliere i residui di cibo, i capelli etc e di non gettare nel lavandino i fondi di caffè, il filo interdentale e qualsiasi cosa che possa depositarsi facilmente nello scarico, limitando anche gli scarti grassi, come olio esausto (che inquina anche l’ambiente) e il burro che solidificando va a rivestire ed occludere il tubo si scarico.
Per ulteriori informazioni o se aveste bisogno di fissare un appuntamento per una consulenza con un nostro idraulico, non esitate a contattarci.

L'accesso o l'utilizzo di questo sito è subordinato all'accettazione dell'Uso dei Cookie per migliorare l'esperienza di navigazione